L’arte ambientale: perché è importante

Cos’è l’arte ambientale?

Da quando l’uomo primitivo ha illustrato per la prima volta strisce di pioggia e fulmini sulle pareti interne delle loro case rupestri, gli artisti sono stati affascinati dalla rappresentazione del nostro ambiente naturale. Tuttavia, per secoli, l’apparizione del paesaggio nell’arte è stata intesa a rappresentare un amore per il nostro mondo naturale o come soggetto di sfondo per la documentazione delle narrazioni umane.

Nel 20° secolo, insieme alle crescenti preoccupazioni globali sullo stato di salute dell’ambiente e sul nostro impatto come esseri umani su di esso, molti artisti hanno iniziato a creare opere in collaborazione con il mondo fisico per attirare l’attenzione sulle questioni ecologiche e sul nostro rapporto e contributo ad esse. Come concetto più definito, l’arte ambientale ha guadagnato più trazione dagli anni ’90, quando gli artisti hanno iniziato a pensare all’ambiente circostante non solo in termini di spazio vissuto o costruito, ma come un sistema coeso in cui gli esseri umani hanno un ruolo centrale da svolgere.

arte ambientale
Edith Meusnier – Installazione di arte ambientale

Tanto per cominciare, “Environmental Art” è un termine molto ampio. Abbraccia una varietà di pratiche e movimenti come, e non solo, Land art, Earth art, Arte sostenibile e Arte concettuale. Come movimento, l’arte ambientale è emersa negli anni ’60. I principali artisti associati a questo tipo di arte includevano Jean-Max Albert, Piotr Kowalski, Nils Udo e Robert Smithson.

Sebbene associamo l’ambientalismo come un fenomeno recente, non è un concetto nuovo. Il primo interesse per l’ambiente era una caratteristica del movimento romantico all’inizio del XIX secolo. Il poeta William Wordsworth aveva viaggiato molto nel Lake District e scrisse che è una “sorta di proprietà nazionale in cui ogni uomo ha un diritto e un interesse che ha un occhio per percepire e un cuore per godere”. Le origini di questo movimento possono essere ricondotte alla rivoluzione industriale, quando ci fu un’ondata di risposta all’aumento dei livelli di inquinamento nell’atmosfera.

Anche prima di quel momento, potremmo sostenere che l’Arte Ambientale iniziò con le pitture rupestri paleolitiche dei nostri antenati. Esse rappresentavano aspetti della natura importanti per i primi esseri umani come animali e figure umane.

Le aree interessate

Sebbene attualmente non esista una definizione rigorosa di arte ambientale, abbraccia diverse aree scientifiche, sociali e politiche e affronta principalmente questioni ambientali. Il movimento comprende anche altri argomenti di preoccupazione come il cambiamento climatico e il movimento per il clima.

Gli artisti ambientali usano spesso materiali naturali come foglie, fiori, rami, ghiaccio, terra, sabbia, pietra e acqua come base delle loro opere d’arte. Inoltre, scegliendo di collocare il proprio lavoro in luoghi specifici, l’arte ambientale spesso cerca sia di trasformare il modo in cui il sito viene visto, sia di rivelare ciò che era già lì. Ciò richiede che gli spettatori e il pubblico ripensino a come “vedono” il mondo che li circonda e prestino un’attenzione più diretta alle parti minute e distinte che compongono ciò che potremmo trascurare come un ambiente coeso.

arte ambientale

Diane Burko e l’arte ambientale

Diane Burko è un’artista contemporanea che vive a Philadelphia, Pennsylvania. Attraverso le sue potenti fotografie e dipinti descrive una profonda preoccupazione per il nostro fragile ambiente naturale.

L’impatto dell’arte ambientale si estende in tutto il mondo ed è rappresentato da una serie di organizzazioni, da gruppi di base regionali a grandi entità con molte espressioni diverse che variano da paese a paese.

Altrettanto vario è il modo in cui gli artisti ambientalisti si avvicinano a questa forma d’arte. Dimostrano una versatilità nell’utilizzo di una vasta gamma di media, tecniche e stili.

arte ambientale

Janel Houton

L’artista Janel Houton trova ispirazione nella cultura locale e nell’ambiente naturale di Boston, Massachusetts, e nei temi nazionali e globali riguardanti la protezione della terra e il cambiamento climatico.

Molti degli artisti che si identificano con il movimento ambientalista hanno esplorato il rapporto tra l’uomo e l’ambiente naturale. Questi artisti sono spesso preoccupati per le questioni dell’ecologia, della salute e dei diritti umani e dedicano la loro arte a questi argomenti. Gli artisti ambientali possono anche essere trovati in relazione alla conservazione e alla politica verde.

Una delle principali caratteristiche dell’arte ambientale è che di solito è creata per un luogo particolare, non può essere spostata, e ovviamente non può essere esposta in musei o gallerie. Ma ci sono delle eccezioni, poiché gli artisti ambientali utilizzano una vasta gamma di tecniche diverse. Possono anche fornire fotografie delle loro installazioni che possono essere esposte in gallerie e musei e vendute e collezionate come opere d’arte.

I creatori di arte ambientale ci aiutano a comprendere la natura, gli ecosistemi, le forze e i materiali ambientali di cui essere consapevoli e le aree ambientali danneggiate di interesse.

Inutile dire che gli artisti che si dedicano a perseguire le molte aree dell’arte ambientale svolgono un ruolo importante nel mondo dell’arte così come nella nostra società. Aumentano la consapevolezza sui molteplici e seri problemi ambientali che affliggono il nostro pianeta.

Cos’è l’eco-arte?

Sebbene l’arte ambientale sia talvolta indicata come il movimento dell’ecologia, è importante ricordare che l’eco-arte, l’arte ecologica o l’ecoarte è una sottocategoria dell’arte ambientale. È fonte di confusione perché i termini sono spesso usati in modo intercambiabile. Questa pratica artistica abbraccia un’etica della giustizia sociale nel suo contenuto e nella sua forma.

Alexandre Dang è un eco-artista visivo francese che utilizza l’energia della tecnologia solare come forza animatrice nel suo lavoro riunendo scienza, preoccupazioni ambientali e umanesimo.

Come Dang, molti artisti affiliati all’eco-arte aderiscono a principi come: le interrelazioni nel nostro ambiente e spesso creano opere che impiegano materiali naturali o interagiscono con forze ambientali come vento, acqua o luce solare. Altri artisti associati all’eco-arte possono recuperare, restaurare e riparare ambienti danneggiati e ripensare le relazioni ecologiche. Usano misure creative per proporre nuove possibilità di convivenza, sostenibilità e guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *