Intervista all’artista Rosanna Cerutti

Presentati in breve raccontando di te, da dove vieni e la tua infanzia.

Nata e cresciuta in Piemonte, sin da piccola ho dimostrato una certa vocazione per svariate forme d’arte. La frequentazione di istituti religiosi, la scuola di moda e l’esperienza maturata nei villaggi turistici, hanno determinato in me la voglia di esprimermi attraverso diverse attivita’ (ballo, teatro, canto e disegno).

come ti sei approcciato al mondo dell’arte?

Da maggio 2009 nasce in me il desiderio di esternare sensazioni tramite la pittura. Il tutto scaturisce dalla volonta’ di fare un regalo originale per un evento importante quale il matrimonio di una amica, che mi ha portato a realizzare la mia prima opera; punto di partenza di un percorso che ha generato e fatto crescere in me questo bisogno di comunicare emozioni.
anche se l’innamoramento è nato in un villaggio turistico, dove facevo l’animatrice, gli senografi per ferragosto ci chiesero di aiutarli a fare dei pannelli per il luna park, e io dovetti fare Mogli e il gozzilla, da li amore infinito….ma messo in pratica circa 5 anni dopo, iniziato dall’evento sopra evidenziato…il matrimonio di un’amica

quali sono gli artisti che più ti piacciono e hanno influenzato la tua pittura?

gli artisti che mi piacciano sono molti, che probabilmente mi hanno influenzato, sono. Tamara de Lempicka, Modigliani, Dalì

Quali sono le tue opere che ritieni più belle e significative?

le opere per me più ricche di significato ad oggi sono: New Universal, Il Gioco della vita e tutto è immobile e nulla e fermo, fra le mie preferite c’è il bacio di primavera, la Via del Sole, Infinita essenza e infinitamente

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *