Edmund Dulac: vita e opere dell’artista

Edmund Dulac

Breve biografia di Edmund Dulac

Edmund Dulac (nato Edmond Dulac; 22 ottobre 1882 – morto il 25 maggio 1953) fu un illustratore di riviste naturalizzato britannico francese, illustratore di libri e designer di francobolli. Nato a Tolosa, ha studiato legge ma in seguito si è rivolto allo studio dell’arte all’École des Beaux-Arts. Si trasferì a Londra all’inizio del XX secolo e nel 1905 ricevette la sua prima commissione per illustrare i romanzi delle sorelle Brontë. Durante la prima guerra mondiale, Dulac ha prodotto libri e quando dopo la guerra il mercato dei libri illustrati per bambini si è ridotto, si è rivolto alle illustrazioni di riviste. Ha disegnato banconote durante la seconda guerra mondiale e francobolli, in particolare quelli che hanno annunciato l’inizio del regno della regina Elisabetta II.

Edmund Dulac, l’illustratore di libri

Nel periodo tra il 1905 e la prima guerra mondiale, l’editoria di libri regalo era un grande affare economico. Poiché Arthur Rackham e Edmund Dulac erano i più eminenti illustratori di libri regalo, i loro nomi sono spesso collegati,

proprio come Walter Crane, Kate Greenaway e Randolph Caldecott erano stati collegati venticinque anni prima per i loro contributi al fiorente mercato dei libri per bambini. Come i loro tre predecessori, anche Dulac e Rackham avevano molto in comune. Gli editori rivali hanno gareggiato per i loro servizi e i due artisti hanno esposto dipinti originali nella stessa galleria con uguale successo. Anche le storie che illustravano erano simili, facendo appello all’ardore prevalente per le storie di fate e fantasia. Nonostante ciò che condividevano, tuttavia, Dulac e Rackham differivano notevolmente per tecnica, temperamento e sensibilità.

Edmund Dulac e il trasferimento a Parigi

Il duro lavoro di Dulac come studente d’arte gli è valso diversi premi durante il suo corso di studi triennale presso l’Ecole des Beaux Arts

e infine una borsa di studio per studiare presso il prestigioso Academic Julian di Parigi. Con grandi aspettative, Dulac si avventurò a Parigi per studiare nella famosa scuola dove aveva studiato il grande designer Alphonse Mucha e dove Kay Nielsen alla fine si sarebbe iscritto. Ma il programma è stato una delusione. Copiare noiosamente dipinti e calchi in gesso di maestri ha fatto poco per stimolare il giovane artista “impaziente” e si sentiva estremamente solo a Parigi. Tornato a Tolosa in uno stato d’animo infelice, Dulac incontrò e sposò frettolosamente una donna americana di tredici anni più grande di lui, un’unione che finì quasi con la stessa rapidità con cui era iniziata. A ventun anni, di nuovo solo e costretto a vivere con i suoi genitori, Edmund Dulac sembrava molto lontano dal raggiungere i suoi obiettivi.

Il lavoro per le sorelle Bronte

Fu il talento dimostrabile a fargli guadagnare un incarico importante a poche settimane dal suo arrivo a Londra:

l’editore JM Dent gli commissionò la preparazione di sessanta acquerelli per la serie completa di romanzi scritti dalle sorelle Bronte.

Come risultato dell’accoglienza favorevole ai romanzi di Bronte, Dulac fu invitato a contribuire alla Pall Mall Gazette, una rivista mensile a cui Arthur Rackham aveva contribuito con molti disegni. Qui Dulac si sente libero di sperimentare i suoi progetti, superando la timidezza dei suoi primi incarichi. Entrare a far parte del London Sketch Club gli ha anche dato l’opportunità di sviluppare l’abilità utile per il disegno umoristico.

Le Leicester Galleries e Edmund Dulac

Le Leicester Galleries hanno esposto gli acquerelli di Dulac per The Arabian Nights nell’autunno del 1907, nello stesso periodo in cui il libro è stato pubblicato,

accolto con unanimi elogi dalla critica e ogni quadro è stato venduto ancor prima che la mostra fosse aperta al grande pubblico.

Avendo avuto il buon senso di commissionare questo giovane illustratore relativamente sconosciuto, le Leicester Galleries hanno raccolto i frutti della loro lungimiranza negli anni seguenti. Dulac sarebbe arrivato a rimpiangere l’accordo forfettario – non riceveva royalties dalla vendita dei libri regalo pubblicati da Hodder & Stoughton – ma nel giro di cinque anni era uno degli illustratori più pagati del suo tempo. Ogni anno, fino allo scoppio della prima guerra mondiale, Dulac ha creato acquerelli per un libro e una mostra presso la galleria. Il libro da regalo di Dulac per il 1908 era Tempest; per il 1909, Il Rubaiyat di Omar Khayyam; per 1910, La bella addormentata e altre fiabe; per il 1911, Storie di Hans Andersen;

per il 1912, Bells and Other Poems di Edgar Allan Poe; per il 1913, la principessa Badoura; per il 1914, Sinbad il marinaio e altri racconti da Le mille e una notte.

I libri regalo

Questi libri regalo, che rappresentano i classici contributi di Dulac all’illustrazione delle storie per bambini, dimostrano l’evoluzione dello stile dell’artista. Fin dall’inizio, la penna di Dulac è stata utilizzata principalmente per definire figure e oggetti, mentre il colore è stato impiegato per creare atmosfera e modellazione. A differenza dei suoi contemporanei Arthur Rackham e Kay Nielsen,

il disegno di Dulac era secondario rispetto al colore e man mano che il suo lavoro si sviluppava, divenne sempre più assorbito da questioni di motivi e trame piuttosto che di contorni.

Sebbene il suo stile si sia evoluto nel corso degli anni, i metodi di Dulac per preparare le sue illustrazioni sono rimasti gli stessi. Era una tecnica insolita che ha funzionato bene a causa della sua preoccupazione per la disposizione pittorica. Ha iniziato utilizzando carte da lucido per sviluppare il suo primo schizzo approssimativo. “Un’idea per la composizione è abbozzata su un foglio di carta da lucido con una matita B”, ha spiegato Dulac quando gli è stato chiesto come avesse preparato i suoi acquerelli.

L’arrivo a Londra di Edmund Dulac

Dal momento in cui arrivò a Londra, ventiduenne francese, fino alla prima guerra mondiale, Edmund Dulac fu avviato su una strada che finalmente sembrava adatta alle sue ambizioni. Fu legalmente divorziato dalla moglie americana nel 1908, sposò Elsa Amalice Bignardi nel 1911 e divenne cittadino britannico naturalizzato nel 1912. La cerchia di amici di Dulac si allargò fino a includere eminenti artisti, scrittori, musicisti e designer, e fu in grado di perseguire la sua intensa curiosità per un’ampia varietà di argomenti: era uno studente di musica dell’Estremo Oriente,

un collezionista di dipinti orientali, un cuoco gourmet, un abile rilegatore di libri, un tiratore scelto, e ha progettato tutti i mobili e le attrezzature nel suo studio.

Il contratto delle Leicester Galleries

Nel 1914 Leicester Galleries offrì a Dulac un contratto di tre anni per produrre annualmente una serie di illustrazioni per libri da pubblicare nel 1915, 1916 e 1917, per quasi £ 1.000 per set (una somma considerevole)

Dulac avrebbe preparato venticinque illustrazioni e decorazioni aggiuntive per libri i cui titoli sarebbero stati concordati dalle due parti in consultazione con Hodder & Stoughton. La generosità dei termini esprimeva ottimismo sul futuro dell’editoria di libri regalo, ma lo scoppio della guerra mandò in frantumi questi piani pieni di speranza. Le restrizioni sulla carta e sulla produzione limitarono una buona parte delle attività commerciali degli editori, e fu data preferenza all’editoria destinata a promuovere lo sforzo bellico.

Fino alla sua morte nel 1953, Edmund Dulac è rimasto vitale e attivo,

un intellettuale con una curiosità sconfinata per tutte le culture, espressa in tutte le forme: scrittura, immagini, musica, costumi. La sua curiosità si estendeva anche oltre i fenomeni terreni, man mano che si interessava sempre più allo spiritualismo. Le immagini di Dulac per le storie per bambini sono state create nel giro di pochi anni della sua vita produttiva,

ma continuano a deliziare i bambini anche oggi. Alla fine, gli sforzi di Edmund Dulac per trascendere gli Emits geografici e spirituali hanno prodotto un’eredità per i bambini che rimane eterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *