Pasquale Mastrogiacomo: Biografia e stile

Breve Biografia

Pasquale Mastrogiacomo nasce a Salerno dove frequenta l’Istituto d’Arte. Diplomato all’Accademia di Belle
Arti di Napoli può definirsi come un artista poliedrico. Scultore, pittore, ceramista e disegnatore. Parte della
diversificata produzione artistica realizzata è pubblicata sul sito web www.pasqualemastrogiacomo.it .


Scorrendo le numerose immagini, lo sguardo si lascia catturare da visioni surrealiste e oniriche dei dipinti,
dalla forza dirompente e provocatoria delle sculture, dal ductus preciso e nitido dei disegni, dalla
immediatezza espressiva degli schizzi. Le opere rappresentano la sintesi di idee a sfondo religioso, politico,
sociale, con una spiccata attenzione alla valenza dei contrasti, alla seduzione della modernità, ai fenomeni di
corruzione e di degrado morale.


L’occhio dell’artista è in grado di raccontare la realtà nella sua essenza, di cogliere ciò che non è
immediatamente evidente, di percepire e rivelare, meccanismi, processi e trasformazioni in atto. L’attività di
ricerca e di scavo, che si traduce nell’esaltazione di linee e colori e nel nitore dei volumi, si estrinseca in
rappresentazioni problematiche ed altamente significative che richiedono al fruitore una riflessione
particolare.

Stile


Surrealismo illuminista


La produzione artistica di Pasquale Mastrogiacomo si colloca, per la forte espressività, in quel filone
artistico chiamato “Nuova oggettività”, con le sue rappresentazioni satirico-grottesche dell’alta borghesia, e
si ispira al surrealismo daliniano con le sue suggestioni politiche.


L’opera (dipinti ad olio, disegni a penna e disegni digitali) si presenta come un palinsesto di cui ricostruire le
diverse fasi e le rispettive interpretazioni. Si legge procedendo in “profondità”, mentre la superficie si anima
di forme, colori, luci in un concatenamento inarrestabile. Un automatismo surrealista, che si fa portatore di
una rigorosa visione storica, una forma di narrazione che annovera tra i suoi protagonisti: il potere politico e
quello economico, le religioni monoteiste, il gioco delle parti tra le intellighenzie e la condizione di
ignoranza e di schiavitù culturale che sottomette la società. L’autore invita il pubblico alla riflessione e si fa
portatore di una forma di religiosità razionale e di una visione antimetafisica che sfida il senso di
responsabilità del genere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *