Giudizio universale di Michelangelo

Giudizio universale di Michelangelo

Oggi vi porto nella Cappella Sistina, nella città del Vaticano, per farvi assaporare l’opera di magistrale imperiosità, il Giudizio Universale, di Michelangelo Buonarroti (1475-1564).

 Un affresco di misure imponenti (1379 x 1200 cm) realizzato tra il 1532 e il 1541.

______________

Fu’ commissionato da Papa Clemente VII per decorare la parete dietro l’altare della Cappella Sistina.

______________

Il desiderio di papa Clemente VII era dovuto in tutta probabilità alla volontà di legare anche il proprio nome all’impresa della Sistina, come avevano fatto i suoi maggiori predecessori. 

______________

Il Papa comunque morì prima degli inizi dei lavoro. Fu Papa Paolo III Fernese, a confermare l’incarico a Michelangelo.

______________

 Il Giudizio Universale fu dipinto da Michelangelo sulla parete di fondo della Cappella Sistina circa 30 anni dopo la realizzazione della volta

______________

Per tale motivo, vennero distrutti i lavori presenti sulla parete per fare posto alla nuova opera.

______________

Erano affreschi del Quattrocento di Pietro Perugino intitolati Nascita e ritrovamento di Mosè, Assunta con Sisto IV inginocchiato e Natività di Cristo.

______________

Furono anche eliminati alcuni ritratti di Papi tra le finestre. Infine anche due lunette dipinte da Michelangelo all’epoca della volta. Si tratta di Abramo, Isacco, Giacobbe, Giuda e Fares, Esrom e Aram.

______________

Analisi del Giudizio universale di Michelangelo

Nel Giudizio Universale, Michelangelo rappresenta il momento in cui gli angeli suonano le trombe per lo scatenarsi dell’Apocalisse.

______________

Cristo resuscita i morti e chiama con sé in Paradiso i giusti ordinando agli angeli di scaraventare i dannati nell’inferno.

______________

Il Giudizio, sebbene volutamente strutturato evitando la tradizionale composizione dell’immagine in ordini sovrapposti, è comunque divisibile, per comodità di trattazione, in tre zone fondamentali:

GLI ANGELI CON GLI STRUMENTI DELLA PASSIONE IN ALTO NELLE NUVOLETTE

Nelle due lunette superiori del Giudizio Universale, sono presenti due gruppi di angeli: questi stanno trasportando la Croce ed altri simboli della Passione di Cristo; tali elementi alludono al sacrificio di quest’ultimo per garantire la salvezza degli uomini.

______________

Nella lunetta sinistra sono presenti degli angeli senza ali, chiamati angeli apteri, esteticamente perfetti, e ritratti in un momento di grande azione e movimento, mentre nella lunetta destra, è presente un altro gruppo di angeli che sta trasportando, con molta difficoltà, la colonna dove Gesù venne legato e frustato.

______________

IL CRISTO E LA VERGINE TRA I BEATI

Al centro del grande Giudizio Universale viene rappresentato Cristo e la Vergine circondati da profeti, sibille, apostoli e patriarchi.

Giudizio universale di Michelangelo

______________

Differentemente dalla tradizione, Michelangelo sceglie di non rappresentare Gesù su un trono, ma decide di affrescarlo mentre sta avanzando, coperto unicamente da un velo; questa scelta rende Cristo molto somigliante a delle rappresentazioni pittoriche di Giove.

______________

La posizione delle braccia di Cristo è molto importante:

con l’arto sollevato, secondo gli studiosi, Gesù starebbe chiamando a se i beati e gli eletti, mentre con quello abbassato invece potrebbe star condannando gli empi ed i peccatori.

______________

Lo sguardo di Cristo è rivolto verso lo scenario circostante, con un’espressione molto concentrata; Maria è al fianco di Gesù e sta guardando i beati, mentre si trova seduta da parte, sapendo di non poter interferire con l’operato di suo figlio.

______________

Attorno a Cristo e la Vergine, Michelangelo dipinge una cerchia di cinquanta persone, composta prevalentemente da apostoli, santi e patriarchi.

______________

Nella parte più esterna invece, sempre sulla linea di Gesù e Maria, Nel gruppo di sinistra ci sono donne, vergini e personaggi fondamentali dell’Antico Testamento.

______________

Nel gruppo di destra ci sono degli uomini, e nel vasto gruppo, salta all’occhio il vigoroso uomo appoggiato sulla croce:

secondo alcuni si tratta dell’uomo che aiutò Cristo sulla via Crucis, mentre per altri sembrerebbe Disma, uno dei ladroni crocifissi con Gesù.

______________

LA FINE DEI TEMPI, CON L’ASCESI DEI BEATI E LA CADUTA ALL’INFERNO DEI DANNATI

Mentre nella parte superiore di questo straordinario affresco sono rappresentati i Santi e gli eletti, nella sezione inferiore c’è una grande sezione dedicata alla rappresentazione della fine dei tempi, suddivisa in varie parti, con:

  • Gli angeli con delle trombe che annunciano l’arrivo della fine dei tempi
  • Il risveglio dei morti
  • L’ascesa degli eletti
  • La cacciata dei dannati
  • La rappresentazione dell’Inferno

Michelangelo, nella descrizione di Caronte e delle altre creature infernali e quelle demoniache, trae liberamente ispirazione dalla Divina Commedia di Dante Alighieri.

______________

Sotto la figura di Cristo, si trova un gruppo di angeli senza ali che stanno suonando con molta forza le trombe per annunciare l’arrivo dell’Apocalisse;

alcuni di loro trasportano i libri delle Sacre Scritture e contemporaneamente, svegliati dalle trombe degli angeli, riprendono vita i morti.

______________

 Spostando lo sguardo più in basso, si notano i cadaveri dei morti che stanno risorgendo, come se stessero riprendendo i sensi dopo un lungo sonno:

alcuni stanno letteralmente sgusciando fuori dai propri sepolcri, mentre altri stanno riacquistando pian piano tutte le proprie facoltà fisiche.

______________

Poco più a destra dei morti appena risorti, si notano altri cadaveri appena risvegliati che sono contesi tra angeli e demoni.

Giudizio universale di Michelangelo

______________

Poco sopra a questo gruppo di persone, si può notare un altro piccolo gruppo che sta ascendendo verso il cielo:

alcuni sono sospinti verso l’alto, altri vengono trascinati, altri issati attraverso delle corde e così via.

______________

In netta contrapposizione al gruppo appena descritto, sul versante opposto si contano più di venti figure che stanno cadendo verso l’inferno:

si tratta dei dannati condannati agli Inferi.

______________

Interpretazione del Giudizio universale di Michelangelo

L’opera è  una trasposizione su un piano universale dei dubbi e dei tormenti personali dell’artista di fronte alla terribile crisi della Cristianità che stava minando le radici e i presupposti dell’arte rinascimentale.

______________

Sicuramente i rapporti di Michelangelo con personaggi dei circoli romani in cui circolavano dottrine riformate, come Vittoria Colonna o il cardinale Reginaldo Pole ebbero un peso nell’elaborazione dell’immagine complessiva.

______________

Indirizzandolo verso particolari scelte iconografiche e formali: essi auspicavano una riconciliazione fra cristiani dopo una riforma interna della Chiesa stessa.

______________

Dal tradizionale schema iconografico, impostato a un ordinato svolgersi del Giudizio, senza esitazioni e dubbi, Michelangelo passò a un sistema basato sul caos, l’instabilità e l’angosciosa incertezza di una catastrofe immane e soverchiante.

______________

LA CENSURA DELL’OPERA DI MICHELANGELO

Ancora prima che l’affresco fosse completato iniziarono a registrarsi reazioni contrastanti: da una parte una sconfinata e incondizionata ammirazione, dall’altra bersaglio di aspre critiche, scandali e addirittura invettive, sia sul piano morale che formale.

______________

Le accuse di oscenità, di mancanza di decoro, di tradimento della verità evangelica, di errori dottrinali piovvero su Michelangelo sia dall’interno che dall’esterno della corte papale.

______________

Ben presto si arrivò ad adombrare, in maniera più o meno scoperta e minacciosa, anche l’imputazione di eresia per l’artista, mentre ricorrevano istigazioni a distruggere l’affresco.

______________

Fu’ cosi che alla fine Il 21 gennaio 1564 la Congregazione del Concilio di Trento dispose infine la copertura di ogni oscenità nel Giudizio, compito che venne affidato a Daniele da Volterra che per l’occasione si guadagnò il soprannome di “Braghettone“.

______________

Il suo intervento, che prese il via poco dopo la morte di Michelangelo nel 1565, fu massimamente discreto, quale grande ammiratore dell’arte del suo maestro, limitandosi rivestire con panni svolazzanti le nudità di alcune figure, con la tecnica della tempera a secco.

______________

CONCLUSIONE

Il Giudizio Universale di Michelangelo Buonarroti è un’opera complessa, che rappresenta i peccati e le virtù dell’essere umano

______________

fonte di riflessione in tutto il mondo per capire la posizione della Chiesa, il suo forte potere e le limitazioni che portiamo ancora nel nostro inconscio collettivo.

______________

In questo articolo sono state citate solo alcune delle bellezze dell’affresco, che merita assolutamente un approfondimento.

______________

Vi auguro allora buona ricerca!

Grazie per aver letto questo articolo! ti invito a visitare le nostre pagine Instagram e Facebook!

Articolo di: PSICHE
close

NON PERDERTI I PROSSIMI ARTICOLI!

Ogni domenica ti invieremo gli articoli migliori della settimana, avrai accesso ai nuovi articoli prima degli altri e riceverai film e documentari a tema arte consigliati!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.