La Tour Eiffel: origini e significati

Introduzione alla Torre Eiffel

Sulle rive della Senna, a Parigi, si erge la Tour Eiffel, una magnifica struttura in ferro che illumina Parigi e, più in generale, la Francia. Se un solo elemento architettonico francese dovesse rappresentare questo Paese, sarebbe senza dubbio, ben prima di altri monumenti ugualmente prestigiosi, ma meno emblematici: il Louvre, il Pont du Gard, le cattedrali gotiche o i castelli della Loira. Anche siti famosi come l’Arco di Trionfo non riescono a simboleggiare la Francia come fa la Torre Eiffel, che ne ritrae la sua importanza per la fama internazionale di questo paese.

Questa enorme e maestosa struttura è alta 324 metri ed è composta da 18.000 pezzi di ferro battuto. Fu realizzato da Gustave Eiffel, ingegnere e famoso imprenditore che progettò questo edificio in occasione delle celebrazioni per il centenario della Rivoluzione Francese e dell’Esposizione Universale di Parigi che si tenne nel 1889. Inizialmente, per essere la prova dell’eccellenza della know-how industriale francese e doveva essere di natura temporanea, di soli 20 anni. Salvato dalla radiodiffusione, è oggi un simbolo dell’identità francese e un’attrazione turistica globale.

Visitare la Torre Eiffel è semplice. Perfettamente accessibile da tutti i tipi di trasporto parigino, aperto durante un’ampia fascia oraria, ci si può prendere tutto il tempo che si vuole, non c’è tempo limitato per la sua visita, né circuito imposto.

Storia della torre Eiffel

La Torre Eiffel sorse per il centenario della presa della Bastiglia nel 1889, sul lato dei Campi di Marte che costeggiano la Senna, proprio nel luogo in cui il 14 luglio 1790 era stato celebrato uno dei momenti salienti della Rivoluzione Francese: La festa della Federazione, in cui trecentomila francesi, riuniti attorno al re Luigi XVI, avevano prestato giuramento alla Costituzione e proclamato il loro desiderio di vivere insieme, liberi, uguali e fraterni.

Questo giorno di euforia, che doveva essere fatto per oscurare molte disillusioni, è rimasto nell’inconscio collettivo come quello della nascita della nazione moderna. I governatori del 1889 decisero di celebrare in un monumento – il più alto mai costruito – segno dei tempi,

un “chiodo di trecento metri” che avrebbe mostrato al mondo che il genio della libertà aveva partorito il genio dell’industria. La torre doveva dominare il resto della città, dove, tra le altre meraviglie,

c’erano il panorama transatlantico, il palazzo dei prodotti alimentari, la galleria dei macchinari, tutti luoghi sotto l’incredibile concentrazione di luce, 1150 lampade ad arco e 10.000 lampade a incandescenza.

Perché hanno voluto costruire una torre di metallo alta 300 metri nel centro di Parigi? È un’idea molto strana, ma si basa su due semplici motivi: l’Esposizione Universale del 1889 e l’orgoglio francese.

Dalla fine dell’ottocento in poi

Siamo alla fine dell’Ottocento. La massiccia industrializzazione, arrivata negli Stati Uniti a metà dell’Ottocento e in Europa alla fine dell’Ottocento, è in pieno declino. Le imprese industriali si moltiplicano e si scopre il potere dei metalli per le costruzioni. Tutti i paesi vogliono mostrare la loro supremazia in questo campo. Fu in questo contesto che venne l’Esposizione Universale del 1889. Per mostrare il genio francese,

il comitato organizzatore della mostra ha indetto un concorso per l’elevazione di una porta d’ingresso costituita da una torre alta 1000 piedi, ovvero 300 m. Gustave Eiffel, imprenditore nella costruzione di ponti metallici, lanciò l’idea e la promosse. Risponde alle specifiche (che ha contribuito a redigere, o almeno influenzato).

L’idea della tour Eiffel fu messa a concorso e fu allora che i francesi dimenticarono presto di aver cominciato a celebrare la loro unione per assecondare una delle loro manie: la polemica. Sono stati esaminati centosette progetti. I più innovativi utilizzavano solo ferro, materiale noto fino ad oggi più comune. Charles Garnier, l’architetto dell’Opera, non trovò parole abbastanza dure per stigmatizzare il colossale faro,

l’allora presidente del Consiglio proclamò: “Queste eccentricità non sono nel gusto dei francesi”.

Prevalse il progetto di Eiffel e Sauvestre. Tutta la gloria rimane all’ingegnere Gustave Eiffel (1832-1923), che era già stato illustrato dalla costruzione del viadotto di Garabit. Abbiamo dimenticato il nome di Companion, che allora era famoso per essere stato il capo del cantiere su cui poggia il buon andamento di questo pericoloso progetto.

Per soddisfare le specifiche la torre del 1889 era a 300,01 metri sopra il livello del suolo. Oggi, dalla costruzione dell’antenna televisiva aggiunta nel 1957, è dall’alto dei suoi 318 metri che contempla Parigi.

Concessa per vent’anni doveva essere demolita, alla fine del contratto. Fu la guerra del 1914 a salvarla: fu mobilitata al servizio delle trasmissioni militari, poi, nel 1922, della radio.

L’altezza della Tour Eiffel

Con una dimensione di 312 m alla sua costruzione, la Tour Eiffel è stata per oltre 30 anni l’edificio più alto del mondo, fino alla costruzione dell’Empire State Building a New York. Oggi misura 324 m (grazie alle antenne che da allora sono state aggiunte) ed è il simbolo più bello di Parigi, ma anche della Francia. Ha tre piani, più uno abbandonato da tempo, appartiene alla città di Parigi che ne ha dato la concessione alla SETE, che ne assicura il quotidiano funzionamento. Le cifre sono impressionanti: 10.100 tonnellate, di cui 7300 di architettura metallica composta da 18.000 pezzi,

ha una scalinata di 1710 gradini per salire in vetta, anche se non è fruibile quotidianamente. La torre viene ridipinta ogni 7 anni da un team di 25 pittori-alpinisti che applicano 50 tonnellate di pittura su 250.000 mq di superficie.

La Tour Eiffel è una struttura unica al mondo, ci sono tante altre torri in metallo,

ma questa è speciale perché è un monumento storico e visitabile, mentre le altre sono solo strutture decorative (come la torre Arcelor-Mittal Orbit a Londra). Questo è anche il motivo per cui i francesi hanno un attaccamento speciale alla Torre Eiffel.

È abbastanza semplice visitare la Torre Eiffel. Da notare che ha 3 piani e ci sono tre diversi biglietti:

uno per camminare (la visita poi si ferma al 2° piano, il 3° piano non è accessibile tramite scale), uno per salire con l’ascensore al 2°, e uno per salire al 3° (è una sorta di estensione del 2° biglietto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *