Intervista all’artista Wonderfrank

Presentati in breve raccontando di te, da dove vieni, la tua infanzia ecc…

Mi chiamo Francesco Sgaraglio, classe 1996, conosciuto nel mondo dell’arte digitale come Wonderfrank, sono originario di Ponticelli, una vivace periferia di Napoli, dove i palazzi sono ricoperti di graffiti colorati di grandi artisti tra cui JORIT. Sono un creativo che si muove nel mondo dell’arte digitale. Fin da bambino, insieme ai miei amici, ho coltivato la passione per il disegno e la creatività, trasformando ogni idea in un progetto concreto. Crescendo, ho scoperto il mondo digitale, che mi ha offerto un nuovo spazio per esprimere la mia creatività senza confini. Nelle mie opere, racconto la mia vita e i miei pensieri, trasmettendo emozioni e riflessioni personali.

Come ti sei approcciato al mondo dell’arte?

In realtà è iniziato tutto per gioco. Non l’ho intrapreso con l’intento di guadagnarci, ma semplicemente perché amavo creare. Tutto è iniziato quando ho aperto la mia pagina Instagram e ho iniziato a condividere le mie opere surrealistiche. Ho notato che le persone apprezzavano i miei lavori e mi chiedevano di realizzarli su commissione. Piano piano, il mio nome ha iniziato a circolare, fino a giungere alle orecchie di chi se ne intende davvero di arte. Ed è stato proprio lì che tutto ha preso forma.

Parla del tuo stile?

Il mio stile nell’arte digitale è una fusione di futuristico e surrealismo, con tocchi contemporanei e audaci. Attraverso l’uso sapiente della tecnologia digitale, cerco di creare opere che siano suggestive e coinvolgenti. Le mie composizioni sono caratterizzate da giochi di colori, contrasti accattivanti. Mi piace esplorare temi e concetti complessi, trasformandoli in immagini suggestive e intriganti. In più la mia autenticità è che le mie opere sono brandizzate dal mio logo.

Quali sono gli artisti che più ti piacciono e hanno influenzato la tua pittura?

Non ho un elenco definito di fonti di ispirazione per il mio lavoro artistico, poiché trovo che la creatività possa scaturire da qualsiasi cosa mi circondi. Il mondo intorno a me è ricco di stimoli: dalle persone che incontro alle storie che ascolto, dai luoghi che visito dalle canzoni e alle emozioni che provo.

Quali sono le tue opere che ritieni più belle e significative?

Ultimamente quella che sento più vicina si chiama Speranze incatenate che rappresenta 3 statue futuristiche che si ergono  con determinazione ma allo stesso tempo sono impotenti.. in breve è un opera che rappresenta la ribellione contro le ingiustizie della società moderna.

Quali aspettative hai per il futuro della tua carriera da artista?

Le mie aspettative sono di spingermi sempre oltre, guidate dalla costante ricerca di innovazione e significato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *